Come Federazione Regionale degli Ordini e come FNOMCeO siamo ancora ieri intervenuti presso le autorità di governo centrale e regionale per richiedere con forza adeguati mezzi di protezione per i sanitari inevitabilmente esposti al rischio di infezione da Coronavirus.

Si è chiesto inoltre di approntare al più presto la regolamentazione degli accessi agli ambulatori dei Medici di Medicina Generale, della Continuità Assistenziale e della Pediatria di Libera Scelta. Vanno anche attivate le unità speciali di assistenza domiciliare dei malati che non necessitano di ricovero o che vengono dimessi ancorché non completamente stabilizzati.
Sono ormai quasi cento i medici di Medicina Generale positivi al virus in Regione Lombardia, e come sapete abbiamo avuto dei decessi. Anche non pochi Medici specialisti e Ospedalieri sono positivi.
Noi medici siamo superdiffusori del virus e al più presto va posto rimedio.
Prosegue pressante la richiesta della fornitura almeno dei mezzi di protezione individuale, sia per il territorio sia per il livello ospedaliero che ha già rischiato la carenza e che è messo a gran dura prova.
Si raccomanda estrema prudenza nella doverosa assistenza ai nostri pazienti e nella responsabilizzazione della popolazione affinché adotti e mantenga comportamenti adeguati alla grave contingenza.
Alle strutture polispecialistiche del territorio, si chiede di agire responsabilmente limitando l’attività alle sole prestazioni non differibili e assicurando le urgenze.
Si ringrazia ancora la classe medica per lo sforzo, il sacrifico e il senso etico che sta dimostrando.

Documenti da scaricare:

pdf DPCM 11 marzo 2020 Misure urgenti Italia (676 KB)
pdf FROMCeO Proposta Riorg Att MMG (108 KB)
pdf Comunicato FNOMCeO riorganizzazione studi (147 KB)

 

torna all'inizio del contenuto